Italo

Uno dei mille e più sciclitani cui questo tenero cane resterà nel cuore

31 gennaio 2011

Our history

Questa è la storia di un cane chiamato Italo, il cane-cicerone che da anni era una celebrità a Scicli. Da dove sbuca fuori Italo? Questo meticcio dal color miele arriva a Scicli all’improvviso. Qualcuno dice rimasto solo dopo la morte del suo anziano padrone, qualcun altro immagina perché abbandonato da un clochard. Ma Italo non ha mai voluto raccontare a nessuno la sua storia. Sceglie la via Mormina Penna come sua nuova dimora perché lì è sicuro di poter mangiare, davanti a una pizzeria.

Chi è Italo? Cosa è Italo? La reincarnazione di qualcuno che ha amato Scicli, risponde il popolo. Presidia il centro storico Unesco, insegue le auto in transito nella zona a traffico limitato, abbaia. La domenica va a messa. Partecipa a funerali, matrimoni, feste religiose. Va a salutare i bambini all’uscita di scuola e, in un memorabile fuori programma, entra in scena durante la festa delle Milizie, quando l’emiro Belcane apostrofa il Conte Ruggero: “Cane d’un cristiano”. E lui lì sul palco.

Il 31 gennaio 2011 se n’è andato, dopo una breve malattia e nonostante l’assistenza del veterinario in cui era stato ricoverato a furor di popolo. Nella sua cuccia è comparso un lumino, con un mazzolino di fiori e una tenera dedica di uno sconosciuto, uno dei mille e più sciclitani cui questo tenero cane resterà nel cuore.

Un piccolo monumento ricorderà Italo in un luogo pubblico, dove i suoi amici potranno portare un fiore e ricordarlo con affetto. Come si deve a un cane che tanto ha dato e tanto ha ricevuto.

Other information

Close Menu

This website uses cookies to improve the website and your experience. By continuing to browse this website, you accept our use of cookies. If you need more information or do not want to accept cookies when you use this website, please visit the page Cookie Policy.